La storia del paese

La storia di Calice

BOOKSHOP

bookshop

Acquista on line i nostri libri

I disegni di "Bazar"

bazar

Il disegnatore "Bazar" ricrea gli scorci di Calice Ligure

La Piaggio a Finale

Piaggio 1 small

La nascita della Piaggio a Finale Ligure

Cerca nel sito
Statistiche
Utenti : 5681
Contenuti : 62
Link web : 7
Tot. visite contenuti : 227509
Chi è online
 7 visitatori online
Dall'archivio immagini
carnevale_4.jpg
Trovaci su Facebook
Login



Pastificio Rossi

Pastificio Rossi

pastifiicio rossi 1a

Nel  1867 viene impiantata a Calice Ligure  una fabbrica di pasta, o vermicelli da Giuseppe Rossi, con l’aiuto del figlio Filippo, rientrato dall’ America.   Nel 1876 anche il fratello Leonardo rientra dall’America  volendo investire i guadagni nell’attività famigliari, ottengono dal padre Giuseppe la cessione del’ pastificio Mi sembra interessante pubblicare interamente l’atto N° 163 del Notaio Giovanni Bernardo Rozio, del 13 Luglio 1877. Conservato in archivio di Stato di Savona

Oltre al pastificio la famiglia Rossi gestiva anche un negozio di generi alimentari, nel 1935/36 questa attività fu rilevata da Carlo Decia di Carbuta, il quale però si limitò al negozio e al panificio

pastifiicio rossi 1

Particolare della carta intestata del pastificio

Trascrizione atto Notarile

Cessione di negozio dal Signor Giuseppe Rossi

ai figli Filippo, e Leonardo.

Regnando Vittorio Emanuele Secondo per la grazia di Dio e per la volontà della Nazione Re d'Italia.

L'anno mille ottocentosettanta sette ed alli tredici del mese di luglio in Calice Ligure nella Casa d'abitazione dei Signori Contraenti N°, 254 al mattino.

Nanti di me Giò Bernardo Rozio Notaio alla residenza di Finalborgo iscritto al Consiglio Notarile distrettuale in detta Città di Finalborgo, ed in presenza dè sottoscritti testimoni sono comparsi li Signori Giuseppe, Filippo, e Leonardo padre e figli Rossi del fù Antonio commercianti, nati e domiciliati a Calice Ligure, e da me Notaio personalmente conosciuti, i quali sono amichevolmente convenuti frà loro al seguente convegno e premesso che nel venti ottobre milleottocentosessanta sette essendo ritornato dalle Americhe il detto Filippo Rossi fù impiantata una fabbrica di pasta, o vermicelli in Calice Ligure col capitale di lire duemillasettecento nel quale concorse per la somma di lire millecinquecento il padre Giuseppe Rossi, per il resto il figlio coi denari portati dalle Americhe.

Che questo commercio abbia proceduto sotto la ragione del padre pure fù esclusivamente attivato dal figlio Filippo fino al venti settembre milleottocentosettantasei Che a questa data essendo ritornato dalle Americhe l'altro figlio Leonardo Rossi, il commercio suddetto prese maggior avviamento ed attenzione, perché lo stesso ne versò lire mille duecento frutto dei suoi risparmi, e perché vi applicò la sua attività personale.

Che il padre Giuseppe Rossi desiderando far constare della verità di quanto precede, ed in pari tempo di ritirarsi dall'alea del commercio per ridursi ad una vita completamente tranquilla con quest'atto cede a detti suoi figli li Signori Filippo e Leonardo che accettano il Commercio di paste e farina che si esercitava sotto il nome del padre, d'ora innanzi procederà sotto il nome dei figli Filippo, e Leonardo, i quali si prenderanno cura di avvisare tutti i corrispondenti di questo cangiamento.

Procedendosi ad un estimo delle macchine per la fabbrica di vermicelli, e d'ogni attrezzi relativo, e della merce esistente in magazzino, dei carri, e cavalli, non che ad uno spoglio dei crediti si è d'accordo riconosciuto il tutto rileva a lire quattromillacinquecento dalle quali dedotte le due partite, che i figli vi avevano rispettivamente versato si riduce a lire seicento.                                                                                                                          
Detta cessione è fatta per dette lire seicento, che i cessionari s'obbligano di pagare al cedente loro padre frà mesi sei in rate eguali, senza interesse durante la mora.                                                                                                                         
Resta pertanto che trascorso detto termine e non fatto il pagamento vi decorrerà l'interesse del sette per cento fino al completo rimborso.

La macchina per la fabbrica dei vermicelli, la merce i crediti di negozio, ed ogni altra cosa estimata come nel precedente numero rimane di proprietà dei Filippo e Leonardo fratelli Rossi nei quali il padre trasferisce ogni ragione di dominio.
In ultimo detto Signor Giuseppe Rossi concede in locazione ai figli la Casa d'alto in basso ove attualmente è la fabbrica di vermicelli. Detta locazione è consentita per annue lire cinquanta, e durativa per anni dodeci.

Del che richiesto hò redatto quest'atto in presenza delle parti e dei Signori Vincenzo Richeri fu Luigi proprietario, e Nicolò Sanguineti in questo Comune testimoni richiesti e da me conosciuti che firmano colle parti, e me Notaio eccetto il Giuseppe Rossi per non sapere scrivere né firmare.

Quest'atto venne da me Notaio letto e pubblicato alle parti a chiara, ed alta voce in presenza dè testimoni e scritto su questo unico foglio di mio carattere contiene descritte ragion facciate quattro.

Registrazione £ 16.80

Filippo Rossi

Leonardo Rossi

Vincenzo Richeri Testimonio

Sanguinati Nicolò Testimonio

Giò Bernardo Rozio IIII Notaro

Distinta

Carta £ 1.80 - Registrazione £ 16.80 - Onorario £ 12.00  - Archivio £ 1.00                                  Testimoni £ 50 - Accesso £ 3. Totale £ 35.6

Giò Bernardo Rozio IIII Notaro

pastifiicio rossi 2

Pastificio

pastifiicio rossi 3

Particolare della carta intestata del pastificio

pastifiicio rossi 4

pastifiicio rossi 5

cartoline che inviavano ai clienti che segnalava il passaggio del rappresentantepastifiicio rossi 6

cartoncino che veniva esposto sulla pasta

Ringrazio il Sig. Giovanni Peluffo per la trascrizione dell’atto

 
Partner

Carlo Croce, che risiede a Montevideo, ma con profonde radici calicesi e un legame indissolubile con il nostro paese ci presenta il suo sito web dedicato al mondo dell'agricoltura

montenativo

(per l'occasione il sig. Croce ha preparato una pagina in italiano per i lettori di Calice Ligure)