La storia del paese

La storia di Calice

I disegni di "Bazar"

bazar

Il disegnatore "Bazar" ricrea gli scorci di Calice Ligure

La Piaggio a Finale

Piaggio 1 small

La nascita della Piaggio a Finale Ligure

Cerca nel sito
Statistiche
Utenti : 5681
Contenuti : 52
Link web : 7
Tot. visite contenuti : 169939
Chi è online
 18 visitatori online
Dall'archivio immagini
viacalice.jpg
Trovaci su Facebook
Login



Palazzo Bolla

PALAZZO BOLLA     (Via Vecchia)

In questi ultimi tempi, sul mio sito, ho ricevuto diverse richieste di informazioni sul palazzo situato in via Vecchia per Finale.  Questo è un fatto importante, oltre a dimostrare che il sito è molto visitato, mi permette di divulgare alcune notizie che forse non avrei mai pubblicato anche perché  mi sembravano di scarso interesse per il pubblico,Invece  ricercando profondamente sono emersi fatti interessanti e degni di nota.

Tengo a precisare che soprattutto in passato, una casa e un terreno, se non hanno un nome preciso vengono spesso indicati con il nome del proprietario o di chi vi abita, nel caso di un terreno di chi lo coltiva.

Personalmente ricordo che il caseggiato in questione,  nella metà degli anni cinquanta era definita “Ca  du Maxlò’”, perchè in un locale a pian terreno era situata la macelleria Delprato. Successivamente l’attività  si trasferì in via Roma e la casa cambiò denominazione; molto probabilmente per il fatto che vi abitava e abita tutt’ora il Sig. Luigi Bolla, per molti anni consigliere comunale e anche Sindaco di Calice, prese il nome di PALAZZO BOLLA.

Quando pubblicai il mio primo libro su Calice,  nel 1995, e chiesi notizie su questa casa i mie più stretti collaboratori mi dissero che anticamente era di proprietà dei fratelli PAMPARARO, e che la dicitura del momento (palazzo  Bolla) era perché il Sig. Bolla è un discendente dei Pampararo.  Probabilmente per le persone più anziane era conosciuta come  casa Pampararo.

Da ricerche d’archivio risulta che questa casa è molto antica e apparteneva ad una famiglia importante di  Calice , i Cesio del Cap. Giovanni,  infatti quando fu realizzato il Catasto Napoleonico 1810/1815 queste proprietà risultavano di Cesio Luigi e Fratelli fu Nicolò, e consistevano in una grande casa con corte, altre due costruzioni più piccole e un grande terreno.

Nel 1841 la casa era abitata da Angelo Opisso  e da Nicolò Massa che era anche  conduttore dei  terreni circostanti.  Sempre nello stesso anno  il Sig. Filippo Cesio fu Nicolò e il Sig. avv. Giovanni Cesio fu Luigi, zio e nipote, fanno una divisione delle loro proprietà  e queste furono assegnate  all’ avvocato Giovanni  Cesio, con atto del notaio Nicolò Casatroia il 28 Giugno 1841.

Il 12 Gennaio 1874, in casa degli eredi di Bernardo Carsolio (confinante con queste proprietà), il notaio Bernardo Rozio  stipula l’atto che il Sig. Avv. Giovanni Cesio vende questi suoi beni ai Sig. Giacomo e Vincenzo Pampararo del fu  Bernardo, nati e dimoranti a Calice: una terra chiamata “da casa di Carsolio”, altra terra detta “Giardino” e casa d’alto in baso  in tutti i suoi membri. Si specifica il prezzo in lire 5000 e che il raccolto dell’annata sarà a beneficio dei fratelli Pampararo, meno la parte spettante al colono. Il caseggiato fu restaurato ed ancora oggi si può notare la bellissima facciata.

Nel 1873 i fratelli Pampararo acquistarono alcune proprietà a Finalborgo, per un valore di Lire 20.000, dal sig. Pasquale Federico Mallarini.

Giacomo Pampararo nel  1877   acquista da  Capellini Agostino la Cappella dedicata a San. Giacomo, in località Ca di Ciri  con casa adiacente ed alcuni terreni circostanti per Lire 7.833,35.  Nel 1904 il Comune di Calice  autorizza il sig. Pampararo Giacomo a  coprire il canale ad est di Piazza Massa, per metri 39 ad uso sopraelevazione.

Attualmente  per quel che riguarda il caseggiato di via Vecchia, in particolare il secondo piano e alcuni locali a pian terreno sono di proprietà dei discendenti di Pampararo  Giacomo.  Invece le proprietà di Pampararo  Vincenzo, in particolare gli appartamenti del primo piano furono vendute.  Tutto questo è confermato in un atto molto curioso ed interessante del notaio Luigi Accinelli  del 14 Luglio 1952. In quella data il sig. Rossi Filippo di Egidio, nato a Savona e residente a Mogadiscio, di professione albergatore (rappresentato dal padre Egidio) e Rossi Amedeo  fu Leonardo,  di professione benestante, nato a Calice Ligure e residente in Albenga, vendono al Sig. Bortolotti  Domenico, Maresciallo dei Carabinieri, un piccolo terreno denominato giardino e un appartamento di vani 6 al primo piano della casa detta “Croce”, in Via Vecchia per Finale. Nello stesso documento si legge che questo appartamento confina  con quello di  Arancio Elena vedova Delprato.   Il Sig. Vincenzo Pampararo  aveva già venduto precedentemente  le sue proprietà acquistate insieme al fratello Giacomo dall’avv. Giovanni Cesio.

 

 
Partner

Carlo Croce, che risiede a Montevideo, ma con profonde radici calicesi e un legame indissolubile con il nostro paese ci presenta il suo sito web dedicato al mondo dell'agricoltura

montenativo

(per l'occasione il sig. Croce ha preparato una pagina in italiano per i lettori di Calice Ligure)